Friday , 20 May 2022
enfrit
Annunciata da due settimane, la ripresa dei voli internazionali della compagnia Air Madagascar è stata confermata dall'atterraggio di un Boeing 767-300 ad Ivato.

Air Madagascar decolla di nuovo

L’aeromobile appartenente alla compagnia mediterranea Blue Panorama è decollato da Milano, Italia con destinazione finale Antananarivo, con a bordo poco più di 200 passeggeri. L’amministratore delegato di Air Madagascar, Roland Ranjatoelina era sul volo dall’Europa. Si è mostrato soddisfatto di questa prima prova. L’aereo della compagnia Blue Panorama aveva due giorni liberi alla settimana, spiega Roland Ranjatoelina. Il volo MD055 decolla da Milano il lunedì e fa scalo a Parigi. Lascia la capitale francese la sera stessa, alle 00.30. L’apparecchio atterra ad Ivato Antananarivo martedì alle 15.20 pr ripartire dopo tre ore (17.20). Il volo MD054 con destinazione Milanofa uno scalo di mezz’ora a Parigi mercoledì alle 05.15 e atterra in Lombardia verso le 08.15. Questi voli settimanali sono programmati all’inizio di ogni settimana fino al 10 settembre 2002.
L’obiettivo della ripresa dell’attività non è solo il guadagno ma sopratutto di ritrovare la capacità di negoziare. Il nuovo amministratore delegato ha ancora dei problemi a proposito della rappresentazione legale della compagnia. Le autorità aeree francesi sono state informate dalla precedente direzione generale del'”irregolarità” della nomina di Roland Ranjatoelina. Quest’ultimo ha potuto tuttavia attestare la sua legalità. Certi partner di Air Madagascar, tra cui il proprietario dell’aereo bloccato a Parigi, avrebbero già ripreso I contatti per dei nuovi negoziati. Per assicurare I voli internazionali durante l’alta stagione, altri apparecchi potrebbero essere affittati dalla compagnia con equipaggio malgascio a bordo.

Dato che Air Madagascar ha un po’ di debiti, il noleggio l’affitto a prezzo pieno è stato preferito per questa ripresa dei voli internazionali. Tutti gli oneri di gestione, tra cui il carburante e l’equipaggio competono al proprietario che ha anche l’obbligo di pagare I diritti ad Air Madagascar. La ripresa dovrà avvenire per tappe prima di ripristinare la fluidità aerea. L’ultimo volo della compagnia nazionale per l’Europa è datato 17 febbraio. La società di leasing ha immobilizzato a Parigi il Boeing 767 affittato da Air Madagascar. Per colegare la Grande Ile all’Europa è stato fatto un accordo con la compagnia Air Liberte con una coincidenza alla Runion.

Debiti e privatizzazione

I debiti di Air Madagascar ammontano a venti milioni di dollari circa, cioè all’incirca a 150 miliardi di FMG, rivela il ministro dei Trasporti della Metereologia e del Turismo, Olivier Rakatovazaha. I risultati finaziari non potrebbero essere peggiori, con 64 miliardi di utili realizzati nel 1999. Il debito della compagnia aerea malgascia nei confronti di Air France è di circa 7 milioni di Euro. Deve alle altre compagnie da cui ha affittato gli apparecchi qulcosa come 3,5 milioni di dollari. Dal momento del blocco dell’aeroporto internazionale di Ivato all’inizio della crisi, la cifra del mancato guadagno è di 2,8 miliardi di FMG al giorno. La compagnia ha un onere fisso di 500 milioni di FMG al giorno.

“Air Madagascar non sarà venduta”. Il ministro Olivier Rakatovazaha ha fatto questa dichiarazione martedì 7 maggio, partecipando ad una cerimonia di consegna di medaglie e decorazioni a 95 impiegati di Air Madagascar ad Ivato. La privatizzazione delle grandi società di Stato sono la condizione principale della Banca mondiale per beneficiare della seconda tranche del secondo Credito strutturale (CAS II). L’amministrazione Ravalomanana sceglierà senza dubbio una formula che permetterà agli operatori malgasci di custodire il controllo di questo “patrimonio nazionale”. Si potrebbe trattare di una vasta ristrutturazione finanziaria e di una gestione privata senza alcuna ingerenza da parte dello stato.