Friday , 20 May 2022
enfrit
Il settore dei trasporti è ora in crisi a causa del completo esaurimento di combustibile. Le associazioni di professionisti chiedono l'abbattimento delle barriere al più presto possibile sulla Strada Nazionale 2 per portare I rifornimenti al

TRANSPORTATION: carburante esaurito per l’intera area

Il prezzo del
combustibile è esploso sul mercato parallelo, ma era
prevedibile. Il prezoo di 1 litro di benzina è ora tra i 6.000
MGF (0.90 USD) e gli 8.000 MGF (1.2 USD), il che significa quasi il
doppio del prezzo ufficiale che è 4.200 MGF (0.60 USD). Il
diesel è 5.000 MGF (0.75 USD) al litro e più di 6.000
MGF (0.90 USD) nelle città intorno. Comunque è sempre
più difficile trovare dei rivenditori in questo mercato nero
“ufficiale”. Alcuni hanno costituito alcune riserve
all’inizio della crisi riempendo dei contenitori nelle stazioni di
servizio. Altri sono riusciti a portare alcune taniche da Toamasina
dopo aver consegnato ortaggi o altri viveri essenziali.





Entrambe le
organizzazioni professionali, trasporti su strada (APTR) e società
di trasporto di combustibile (APTH) hanno dato il 26 febbraio un
ultimatum sia all’esercito sia ai protagonisti della scena della
crisi politica attuale.


Richiedono che siano
abbattute le barriere sulle Strade Nazionali 2 e 4 poste che stanno
asfissiando Antananarivo.


Senza alcuna conferma
sulle cifre, le associazioni di professionisti dei trasporti
annunciano una perdita finanziaria di parecchi bilioni di MGF. Un
importante distributore di combustibile ha annunciato ieri che il 60%
del suo fatturato è nella capitale. APTR e APTH insieme hanno
un totale di 3.600 mezzi su strada. Per il trasporto passeggeri il
numero di veicoli è 45.000 e 20.000 Taxi.





Autobotti piene di
combustibile e altri camion non riescono a raggiungere la capitale.
L’associazione ACEM all’origine della barriera di Brickaville
dovrebbe essere paradossalmente motivata dal rispetto della
Costituzione per fermare le dimostrazioni sulla Piazza 13 Maggio. I
giovani sostenitori di Ratsiraka sono stati ? dal Governo
indipendente dell’area di Toamasina che chiede in cambio
dell’abbattimento delle barriere che sia riaperta la Banca Centrale.
Nella località di Brickaville il passaggio libero per 3
giorni, è stato di nuovo chiuso. Ciò ha consentito ad
alcune autobotti di consegnare il combustibile nella capitale. Una
boccata di ossigeno che ha ritardato la totale asfissia.





All’ OMH (Ufficio
Malgascio Idrocarburi) la scorta strategica di combustibile stabilita
per consentire alla città rifornimenti per 21 giorni è
ora ridotta a metà. L’ultima consegna di disel ad Antananarivo
risale al 16 febbraio. Il Sindacato delle Società Industriali
(SIM) ha posto l’accento sulle difficoltà incontrate dai
partner economici che affrontano la crisi. Dall’inizio di marzo,
molte società saranno costrette a licenziare dipendenti o a
mandarli in ferie.